Ed Wood

di Tim Burton

Johnny Depp (Ed Wood)
Martin Landau (Bela Lugosi)
Sarah Jessica Parker (Dolores Fuller)
Patricia Arquette (Kathy O’Hara)
Lisa Marie (Vampira)
Jeffrey Jones (Criswell)

Anno: 1994


Trama

1952. Il giovane artista Ed Wood è sempre in cerca di un lavoro che possa mettere in luce le sue presunte doti da regista, trovando sempre risposte negative e porte sbattute in faccia. Quando un giorno incontra casualmente il suo idolo Bela Lugosi, attore simbolo dell’horror degli anni addietro ma ormai tossicodipendente e dimenticato da tutti, Ed Wood trova la forza di dirigere quello che sarà ricordato da tutti come il peggior film della storia del cinema: Plan 9 From Outer Space.


CinePaura pensa che...

Lontano dall'essere un horror, non possiamo esimerci dall'inserire nel database un film del calibro di Ed Wood, biografia del “peggior regista del mondo” diretta magistralmente da Tim Burton. È la tenera storia di un uomo mosso dalla passione, dall'amore per il cinema ma vincolato dalla povertà delle sue idee e dei suoi mezzi. Nonostante tutto, riuscirà a dirigere il suo “capolavoro”. Bianco e nero straordinario e una coppia di interpreti in stato di grazia (Johnny Depp e Martin Landau). Uno dei migliori lavori di Tim Burton.

Frase del film 

“È questo, lo sento. È per questo film che io sarò ricordato!”


Forse non sapevate che

Martin Landau nel ruolo di Bela Lugosi ha vinto il premio Oscar, il Golden Globe, il Los Angeles Film Critics Association Award, il New York Film Critics Circle Award, il Screen Actors Guild Award e il Kansas City Film Critics Circle Award oltre ad una nomination per il BAFTA

Il film ha vinto anche un altro premio Oscar per il trucco a Rick Baker

Il film di Burton è costato più di tutti i film di Ed Wood messi insieme. Inoltre, è stato stimato che i titoli di testa sono costati di più di ogni film di Wood

Il figlio di Bela Lugosi non voleva vedere il film perché temeva che la figura del padre ne fosse uscita non veritiera. Alla fine lo vide e fu molto soddisfatto del lavoro di Landau. I due divennero amici


A cura di Andrea Costantini