Session 9


di Brad Anderson


Peter Mullan (Gordon Fleming)
David Caruso (Phil)
Josh Lucas (Hank)
Stephen Gevedon (Mike)
Brendan Sexton III (Jeff)
Paul Guilfoyle (Bill Griggs)

Anno: 2001

Trama

Gordon ha un’azienda di rimozione dell’amianto e vuole a tutti i costi vincere l’appalto dell’enorme e cadente ex manicomio. Pur di ricevere il lavoro dichiara che, con i suoi uomini, in una sola settimana avrebbe finito la bonifica. I suoi operai sono contrariati dalla mole di lavoro ma obbediscono e si mettono al lavoro. L’edificio nasconde molti segreti tra cui le registrazioni di una certa Mary Hobbes, una donna con diverse personalità, un passato fatto di macabre leggende e diversi casi di lobotomia. Mentre gli operai procedono con i lavori, si lasciano suggestionare dall’ambiente e dalla negatività aleggiante tra le pareti, facendo emergere lati nascosti. Senza mai smettere di aver paura dell’amianto, presenza spettrale in ogni angolo dell’edificio.


CinePaura pensa che...

Session 9 è il nome della registrazione della paziente Mary Hobbes, quella in cui viene chiesto a Simon dove vive. Lì è racchiusa la verità. Un manicomio, un gruppo di operai al lavoro e l’amianto da rimuovere, fantasma ben peggiore di quelli che potrebbero aggirarsi nell’istituto. Un horror del tutto psicologico, costruito sull’ambientazione fatiscente dell’enorme manicomio in disuso, sulle paure che il luogo suscita nelle persone, sulle verità nascoste negli archivi dello stabile e nella memoria occulta delle persone, sui fantasmi che vivono nella testa delle persone, sulla personalità multipla. Un viaggio con momenti di riflessione e, perché no, in grado di regalare qualche brivido (nonostante un budget ridotto all’osso) grazie al sapiente uso della location e un buon senso della narrazione.

Frase del film 

“Dove vivi, Simon?”
“Vivo nei deboli e negli umiliati, dottore”


Forse non sapevate che

È stato girato nel Danvers State Hospital, un vero istituto psichiatrico aperto nel 1878

Alcuni membri del cast hanno dichiarato di aver assistito a fenomeni strani durante le riprese. David Caruso ha visto una figura passare davanti ad una finestra dell’istituto e Peter Mullan ha sentito nella sua testa una voce che gli diceva di buttarsi giù dal tetto per vedere cosa succedeva

Brad Anderson ha deciso di utilizzate il Danvers State Hospital perché ci passava davanti tutti i giorni guidando

A cura di Andrea Costantini