Il bacio della pantera


di Paul Schrader

Nastassja Kinski (Irena Gallier)
Malcolm McDowell (Paul Gallier)
John Heard (Oliver Yates)
Annette O'Toole (Alice Perrin)
Ruby Dee (Female)
Ed Begley Jr. (Joe Creigh)

Anno: 1982

Trama

New Orleans. Irena è una giovane ragazza che incontra per la prima volta il fratello Paul. I due erano stati divisi da piccoli, in seguito alla morte dei loro genitori. Irena è vergine e spaesata mentre Paul è scatenato e passionale. Nel frattempo in un motel non lontano, una pantera attacca una prostituta. Questo è solo il primo di una serie di avvistamenti. Per cercare di capirci qualcosa sulla pantera, viene coinvolto Oliver, il direttore dello zoo il quale entrerà in contatto con Irena, della quale si innamorerà presto. Ma Irena non è chi pensa di essere. Lei e la sua famiglia sono in realtà pantere nere che possono accoppiarsi solo tra di loro.


CinePaura pensa che...

Rifacimento in chiave moderna (si parla del 1982) del classico omonimo del cinema degli anni ’40. Un remake quando i remake non erano ancora di moda. Come operazione, questa rivisitazione è sicuramente furba. Una splendida ragazza, spesso nuda, che si trasforma in pantera nera è sinonimo di sensualità che trabocca da ogni dove. Ma un film non può essere solo questo infatti la sceneggiatura non funziona a dovere, troppo bucherellata e senza grosse sorprese. Se non altro è un’occasione più che valida per vedere la Kinski nuda. Buoni gli effetti speciali e la fotografia delle sequenze oniriche. Suggestiva colonna sonora di David Bowie e Giorgio Moroder.

Frase del film 

“Rammenti quando eri piccola? Tutti gli animali ti chiamavano per nome”


Forse non sapevate che

Tutti i brani sono opera di Moroder, il testo di Cat People (Putting Out Fire) è di David Bowie, entrambi sono stati candidati ai Golden Globe 1983

È il remake dell’omonimo film del 1942 diretto da Jacques Tourneur

Il regista Paul Shrader e Nastassja Kinski hanno avuto una relazione

La scena in cui Annette O’Toole viene perseguitata dalla pantera in piscina è un omaggio all’originale. Infatti nel film di Tourneur è presente una scena uguale

A cura di Andrea Costantini