Paranormal Activity 4

di Ariel Schulman e Henry Joost,

Katie Featherston (Katie)
Kathryn Newton (Alex)
Brady Allen (Robbie)
Matt Shively (Ben)
Aiden Lovekamp (Wyatt)
Alexondra Lee (Holly)

Anno: 2012


Trama

Katie, dopo aver ucciso la sorella, rapisce il piccolo Hunter e sparisce nel nulla. Anni dopo la ritroviamo con un figlio, Robbie, in un quartiere tranquillo dove vive l’adolescente Alex con la sua famiglia. Robbie è molto strano, taciturno e di notte fugge per nascondersi in casa di Alex. Dopo una malattia improvvisa di Katie che viene ricoverata in ospedale, il bambino si trasferisce dai vicini per alcuni giorni. Qui instaura subito un buon rapporto con Wyatt, il fratello di Alex e con Toby, una presenza invisibile che sembra essere amica dei due bambini.


CinePaura pensa che...

La lunga strada verso la verità si sviluppa nel quarto capitolo della fortunata saga cominciata da Oren Peli nel 2007. Ma scopriremo davvero qualcosa di più? In questo nuovo film le vicende ruotano intorno ad una nuova famiglia, apparentemente slegata dai Featherson ma non sveliamo nulla per non rovinare la sorpresa. Che poi sorpresa è una parola molto grossa. L’unica parte “sorprendente” è lo spettacolare utilizzo del Kinect della Xbox che crea l’effetto a puntini. Per il resto è una pallida copia del terzo capitolo. A questo punto si arriva alla fine nella speranza di vedere sviluppi che però non arrivano mai.

Frase del film 

“Tu a lui non piaci”
“A chi?”
“Lo scoprirai”


Forse non sapevate che

L’intera saga è composta dai seguenti film: Paranormal Activity (2007), Paranormal Activity 2 (2010), Paranormal Activity 3 (2011), Paranormal Activity 4 (2012), Il segnato (2014) e Paranormal Activity - Dimensionefantasma (2015)

In una scena si può ascoltare il brano Dragula di Rob Zombie

C’è un evidente omaggio a Shining nella scena in cui Wyatt gira per casa con il triciclo

Il film ha incassato 140 milioni ed è stato il 48° incasso del 2012


A cura di Andrea Costantini