Shutter Island

di Martin Scorsese

Leonardo DiCaprio (Edward "Teddy" Daniels / Andrew Laeddis)
Mark Ruffalo (Chuck Aule / Dr. Sheehan)
Ben Kingsley (dott. John Cawley)
Michelle Williams (Dolores Chanal)
Emily Mortimer (Rachel Solando)
Patricia Clarkson (dottoressa Rachel Solando)

Anno: 2010


Trama

Il detective dell’FBI Edward Daniels, insieme al collega Chuck Aule, viene mandato a Shutter Island, un manicomio criminale al largo di Chicago ad indagare su una paziente scomparsa nel nulla dalla sua cella chiusa dall'esterno. Un caso difficile da risolvere anche perché i pazienti e il personale sembrano al corrente di qualcosa di oscuro che non vogliono svelare ai federali, uno su tutti il dottor Crawley, lo psichiatra dell’isola. Mentre le indagini diventano sempre più intricate, il difficile passato di Edward riaffiora alla memoria con tutta la sua violenza.


CinePaura pensa che...

Uno dei più grandi cineasti di sempre, Martin Scorsese, si insinua in territorio thriller dalle forti tinte horror e, come per la maggior parte dei suoi lavori, lo fa con estrema eleganza. Tuttavia Shutter Island non è il suo lavoro migliore. Elegante, carico di suggestione gotica (merito anche delle straordinarie scenografie e ambientazioni) e con alcune scene agghiaccianti (i bambini nel laghetto) ma con uno svolgimento intricato e purtroppo prevedibile fino al twist finale, intuibile dopo mezz’ora di film. Ma questo è l’unico difetto. Rimane un lavoro di Scorsese, quindi una spanna sopra la media.

Frase del film 

“Cosa sarebbe peggio? Vivere da mostro o morire da uomo per bene?”


Forse non sapevate che

Il film è basato sul romanzo del 2003 L'isola della paura di Dennis Lehane

Nel primo weekend ha incassato 41 milioni di dollari. In totale ha sfiorato i 300 milioni di dollari nel mondo

È l’unico film di Scorsere con protagonista Leonardo Di Caprio a non aver ricevuto la nomination all’Oscar come miglior film. Gli altri sono Gangs of New York, The Aviator, The Wolf of Wall Street e The Departed

La strage di soldati nazisti che viene mostrata nel film è avvenuta davvero il 29 aprile 1945 quando il campo di Dachau è stato liberato dai soldati americani

Mark Ruffalo è stato scelto da Scorsese dopo che l’attore gli ha spedito una lettera nella quale esprimeva il forte desiderio di lavorare con lui


A cura di Andrea Costantini