Ragazzi perduti

di Joel Schumacher

Jason Patric (Michael Emerson)
Corey Haim (Sam Emerson)
Dianne Wiest (Lucy Emerson)
Edward Herrmann (Max)
Kiefer Sutherland (David)
Jami Gertz (Stella)
Corey Feldman (Edgar Ranocchi)

Anno: 1987

Trama

Sam e Michael Emerson si sono appena trasferiti con la madre divorziata nella cittadina californiana di Santa Carla. La donna inizia a frequentare Max, il proprietario di una videoteca mentre Michael, il fratello maggiore si invaghisce di Stella, una ragazza che fa parte di una banda di delinquenti motociclisti. Mentre Michael entra ne gruppo dei balordi, Sam conosce i fratelli Ranocchi, due ragazzini strani che lo mettono in guardia riguardo all’elevato numero di vampiri in città.

           
CinePaura pensa che...

Un esempio di teen horror comedy perfettamente riuscito che consolida la metamorfosi del vampiro iniziata con il glam Miriam si sveglia a mezzanotte, non più nera figura col mantello ma persona comune, giovane, affascinante, ribelle e dannata. E’ un film amato da una generazione, un piccolo cult che non perde mai il suo fascino. Ambientazioni suggestive e colonna sonora pop-rock azzeccata.  Altro che Twilight, questi sono i vampiri fighi.


Frase del film 

“Questo è il nostro numero. Specializzati in caccia di vampiri. Spera di non averne mai bisogno”


Forse non sapevate che

I fratelli Ranocchi si chiamano Edgar e Allan, chiaro riferimento a Poe

Tarantino ha omaggiato il film in alcuni suoi lavori come in Dal tramonto all’alba, dove i due fratelli si chiamano Gecko, e sono una chiara citazione dei fratelli Frog. Ne Le iene invece Tim Roth dice che avrebbe voluto rimanere a casa a guardare Ragazzi perduti.


Lo slogan promozionale del film era “Dormi tutto il giorno, impazzi la notte, non invecchi mai, non muori mai. Niente male essere un vampiro oggi”